Federcaccia Veneto al tavolo regionale per la Politica Agricola Comune

La figura del cacciatore può essere vista anche come custode del territorio agrario, in particolare nelle aree marginali a bassa redditività.

0
Veneto

VenetoSiamo particolarmente lieti di informare del recente riconoscimento di Federcaccia Veneto quale nuovo partner al Tavolo regionale del Partenariato del sistema agricolo e rurale per la PAC 2021-2027 e lo sviluppo sostenibile 2030 quale rappresentante del settore venatorio regionale. La designazione fa seguito alla candidatura avanzata da Federcaccia Veneto, con il supporto dell’Ufficio Studi e ricerche faunistiche e agro-ambientali di Federcaccia Nazionale, a seguito della richiesta di interesse per questa figura espressa da Regione Veneto lo scorso mese di agosto. Come cacciatori siamo particolarmente sensibili alle tematiche agro-ambientali del territorio nazionale e locale e siamo ovviamente interessati a seguire le dinamiche e le evoluzioni del paesaggio agrario determinate dalle politiche comunitarie.

Siamo convinti infatti che l’agricoltura vada sempre più sostenuta, per garantire occupazione e produzione, ma debba necessariamente essere sempre più indirizzata alla tutela e alla valorizzazione dei servizi ambientali connessi e alla biodiversità stessa. In queste tematiche inoltre, noi cacciatori, possiamo essere delle figure attive e di riferimento per gli interventi e le misure di miglioramento ambientale, nonché nella gestione degli impatti e danni in agricoltura da parte della fauna selvatica. Crediamo che le dinamiche della fauna selvatica negli ambienti agro-forestali regionali debbano essere pianificate e soprattutto gestite con pragmatismo al fine di trovare il giusto compromesso di convivenza con il territorio agrario.

La figura del cacciatore inoltre può essere vista anche come custode del territorio agrario, in particolare nelle aree marginali a bassa redditività, dove è maggiore il pericolo di abbandono e dove invece le attività ambientali e venatorie possono contribuire al sostegno e alla valorizzazione di queste aree. Federcaccia auspica che questa opportunità sia solo l’inizio di una fattiva collaborazione e confronto reciproco sulla tematica dell’impatto dell’attività venatoria in agricoltura non solo in Veneto, sollecitando la partecipazione del mondo venatorio anche nelle altre regioni italiane. Riteniamo che la fauna di interesse venatorio sia parte integrante del panorama agro-ambientale e che non possa essere considerata solo nelle situazioni di emergenza o di conflitto, come molto spesso è accaduto nel passato.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here