Il mondo venatorio scrive alla Rai: “Basta con i continui attacchi ai cacciatori”

Diverse associazioni hanno scritto al presidente e al direttore generale dell'azienda per chiedere maggiore rispetto.

0
Cacciatori Toscani

Attacchi ai cacciatoriLa messa in onda della discussa puntata della trasmissione “Indovina chi viene dopo cena” su Rai Tre fa ancora discutere. Il mondo venatorio ha preso un impegno ed è tornato a richiamare il settore dell’informazione, più precisamente il cosiddetto “servizio pubblico”, affinché ci sia un approccio corretto ai temi della fauna e della caccia. La cabina di regia formata da sette associazioni venatorie riconosciute a livello nazionale ha quindi scritto pochi giorni fa una lettera al presidente della Rai, Monica Maggioni, al direttore generale della stessa, Mario Orfeo, e al direttore degli Affari Legali e Societari.

La scelta ha un obiettivo ben preciso, vale a dire la denuncia delle continue trasmissioni televisive che fanno disinformazione e attaccano la caccia e i cacciatori. Inoltre, il mondo venatorio pretende azioni in grado di riparare e maggiore spazio nelle programmazioni future. Ma cosa è stato scritto esattamente in queste lettere?

Un altro episodio che non è affatto piaciuto è molto più recente, visto che si tratta di un servizio andato in onda nel corso del Tg1 dello scorso 1° gennaio, per la precisione poco prima della mezzanotte. Nel commentare un efferato fatto di sangue nelle campagne del Veronese è stata chiamata in causa la responsabilità di un cacciatore senza alcun elemento di plausibile riferimento. Ora si attendono riscontri puntuali da parte di Viale Mazzini.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here