La peste suina africana si sta diffondendo in Europa: l’importanza dei cacciatori

Il Ministero della Salute ha diffuso un opuscolo per aggiornare la situazione sulla patologia alla fine del 2018.

0
Peste suina

Peste suina africanaCome reso noto in queste ultime ore dall’associazione Arci Caccia, il Ministero della Salute ha deciso di diffondere un opuscolo che va valutato con estrema attenzione. Si tratta di un documento curato e redatto dalla Direzione Generale della sanità animale e dei farmaci veterinari sulla peste suina africana, un argomento sempre molto attuale. Che cosa si legge nello specifico?

Il testo non lascia spazio a dubbi: “Allo stato attuale (la fine del 2018), i focolai di peste suina africana sono stati registrati nei suini e nei cinghiali in paesi come Estonia, Lettonia, Lituania, Polonia, Romania, Ungheria e Bulgaria, mentre in Belgio e in Repubblica Ceca sono stati colpiti solo i cinghiali.

In questo contesto si inserisce la figura del cacciatore che come frequentatore e conoscitore dell’habitat selvatico, può senza dubbio contribuire a monitorare lo stato di salute degli animali selvatici, svolgendo un ruolo chiave nel segnalare la presenza di cinghiali morti (quella che è nota come sorveglianza passiva), eseguendo allo stesso tempo specifici campionamenti sui cinghiali cacciati (la cosiddetta sorveglianza attiva). La tempestiva individuazione della malattia può infatti consentire alle autorità competenti di attuare in modo rapido ed efficiente tutte quelle misure sanitarie finalizzate a limitarne la diffusione e ad estinguere il più rapidamente possibile i focolai”.

4.54/5 (24)

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here