La Regione Friuli approva i criteri di prelievo nelle riserve e aziende venatorie

Si tratta del provvedimento proposto dall'assessore regionale alla Caccia, Paolo Panontin: sono compresi tutti i distretti friulani.

0
Stop della caccia

Regione FriuliLa Giunta Regionale del Friuli Venezia Giulia ha approvato un importante provvedimento presentato e proposto dall’assessore alla Caccia, Paolo Panontin. Si tratta dei criteri per la concessione del prelievo di fauna selvatica alle riserve di caccia e alle aziende faunistico-venatorie che fanno parte dei distretti venatori friulani. Sono stati introdotti dei correttivi e delle integrazioni rispetto ai piani di prelievo dei piani venatori distrettuali in attesa che il Piano Faunistico Regionale venga aggiornato.

La Legge Regionale numero 28 di quest’anno (“Disposizioni in materia di risorse agricole, forestali e ittiche di attività venatoria”) ha modificato l’articolo 13 di un altro testo normativo friulano, la Legge 6 del 2008. La Giunta ha la possibilità di adottare questi criteri di concessione venatoria per quel che riguarda i 15 distretti presenti sul territorio.

Il documento tecnico con i vari parametri era stato messo a punto dalla struttura regionale che è competente per la materia faunistica e venatoria. Sugli stessi criteri, infine, aveva espresso il proprio parere favorevole il Comitato Faunistico Regionale.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here