Lo Stato dell’Indiana autorizza la caccia ai cervi selvatici

Il dibattito sul prelievo venatorio degli ungulati è durato ben undici anni: sono state decise anche le dimensioni minime delle riserve di caccia.

0
Prelievo selettivo degli ungulati

Caccia ai cervi selvaticiIl governatore dello stato americano dell’Indiana, Mike Pence, è riuscito a porre fine a un dibattito che durava da undici anni, firmando una legge che rende legale in questa parte degli Stati Uniti la caccia ai cervi selvatici. È stato quindi necessario più di un decennio per risolvere una controversia che ha coinvolto più protagonisti. Secondo quanto riferito dai media locali, attualmente dovrebbero essere sette le zone in cui trovare gli ungulati di cui si sta parlando, nello specifico le contee di Harrison, Blackford, Decatour, Miami, Whitley, Marshall e Kosciusko. Nel 2005 erano presenti dodici strutture operative, ma il Dipartimento di Risorse Naturali decise di chiuderle, in parte a causa delle preoccupazioni per le possibili infezioni e malattie che potevano essere trasmesse dopo l’abbattimento.

I proprietari delle riserve di caccia risposero con una causa legale motivata col fatto che il Dipartimento non aveva alcuna autorità per una decisione del genere. Un mese fa è finita la disputa tanto accesa ed è stata data ragione proprio alle riserve e ai titolari. Le critiche principali in merito a questa scelta si riferiscono all’etica e ci sono persino dei cacciatori che temono che il prelievo venatorio possa essere un pericolo per la popolazione di cervi selvaggi, la quale contribuisce all’economia dell’Indiana con circa 200 milioni di dollari ogni anno.

C’è poi chi ha parlato di aree di caccia troppo piccole, con gli ungulati che non avrebbero abbastanza spazio. Dall’altra parte ci sono i fermi sostenitori della legge, varata nei giorni scorsi dal Senato: per loro i limiti territoriali sono invece piuttosto ampi e la caccia deve essere considerata una esperienza genuina e utile. L’industria venatoria locale può anche beneficiare di un numero importante e alto di cervi da riproduzione, di conseguenza la specie non verrebbe messa a rischio, senza dimenticare che la novità legislativa potrebbe aprire la strada a nuove occupazioni lavorative.

Secondo quanto dichiarato da John Newsom, manager regionale dell’Indiana Farm Bureau, i cervi selvatici si riproducono al ritmo giusto e richiesto dal mercato, proprio quello di cui c’è bisogno. Dopo la decisione avversa al Dipartimento delle Risorse Naturali, la caccia ai cervi selvatici viene gestita e regolata dal Board of Animal Health dell’Indiana, lo stesso che si occupa degli allevamenti di bestiame. Con il nuovo testo normativo, il quale sarà subito efficace, le riserve di caccia dovranno avere una dimensione minima, 100 acri, cioè circa 40 ettari, mentre i recinti dovranno essere alti almeno 8 piedi (2 metri e 40).

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here