Lombardia, cinghiali sull’A1, l’assessore Rolfi chiede di modificare la legge sulla caccia

L'assessore ha commentato il grave incidente di ieri nel Lodigiano: prima di tutto occorre riconoscere l'operatore volontario, ossia un cacciatore formato.

0
Legge sulla caccia

Legge sulla cacciaAnche Fabio Rolfi, assessore all’Agricoltura della Regione Lombardia, ha detto la sua sull’incidente avvenuto nel Lodigiano che ha provocato un morto e 10 feriti dopo l’attraversamento di alcuni cinghiali in autostrada. Rolfi è stato molto chiaro nelle sue dichiarazioni: “Non si può morire per un cinghiale in autostrada nel 2019; questi incidenti si potrebbero evitare se la politica nazionale ascoltasse le richieste della Regione Lombardia e di chi vive sul territorio.

L’episodio pesa sulle coscienze di tutti coloro che per anni non hanno mosso un dito per modificare la legge 157. Più volte abbiamo sollecitato la politica nazionale. Purtroppo una visione estremista animalista, ambientalista e anticaccia sta impedendo di aggiornare una legge che risale al 1992 e queste sono le conseguenze: incidenti come questo non sono e non saranno casi isolati.

Una sentenza della Corte blocca le leggi regionali per il contrasto al cinghiale impedendo a cacciatori formati di operare fuori dal periodo di caccia e di effettuare una attività di contenimento sotto indirizzo della polizia provinciale. La legge 157 va modificata per riconoscere l’operatore volontario, ossia un cacciatore formato, che consenta di ampliare l’attività di contenimento oggi in capo solo agli operatori della polizia provinciale, ormai pochi e sparuti a causa della legge Delrio”.

3.83/5 (6)

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here