Porto di fucile negato per una condanna del 1981, il TAR dà ragione a un uomo

La Questura non aveva tenuto in debita considerazione l'episodio isolato e la riabilitazione di ben 31 anni fa.

0
Porto di fucile

Porto di fucile negatoLa Prima Sezione del Tribunale Amministrativo Regionale del Piemonte ha pronunciato una sentenza su un uomo che aveva presentato ricorso contro il Ministero dell’Interno e la Questura di Vercelli. L’obiettivo era quello di annullare un provvedimento di due anni fa del questore vercellese con cui era stata respinta l’istanza di porto di fucile per uso sportivo. A carico di questa persona è stata scoperta una condanna irrevocabile per porto illegale di armi.

L’irrevocabilità è datata 1981, mentre l’uomo era stata riabilitato cinque anni dopo, dunque si è cercato di far capire ai giudici amministrativi che il precedente penale doveva essere valutato in un contesto più ampio di elementi. Come avviene spesso in situazioni simili, si è scelto di valutare anche la condotta di vita successiva del soggetto interessato.

Il provvedimento della Questura piemontese è scattato in automatico, senza però considerare una riabilitazione risalente a ben 31 anni fa e che il reato commesso è stato un episodio isolato, senza altri addebiti per il ricorrente. Il ricorso è stato quindi accolto, con annullamento della decisione del questore, ferme restando le altre valutazioni che dovrà effettuare l’amministrazione.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here