Arci Caccia invita i cacciatori umbri a ridurre i prelievi delle beccacce

I dati provenienti dalla Russia, dalla Francia e dal Regno Unito confermano le difficoltà riproduttive di questa specie.

0
Telemetria

Prelievi delle beccacceLa sezione regionale umbra dell’Arci Caccia ha diffuso un comunicato per parlare dell’inizio della tracciatura della beccaccia, visto che il mese di dicembre sta per terminare e la migrazione della specie è praticamente conclusa. In Umbria la beccaccia si è fatta desiderare, come confermato da tanti cacciatori e le teorie sono diverse. Le condizioni climatiche di ottobre e novembre sono state determinanti in questo senso, anche perchè la siccità è durata troppo a lungo e non ha permesso agli uccelli di scovare i terreni adatti per sosta e svernamento.

Le motivazioni scientifiche giungono direttamente dalla Francia e dai cacciatori delle nazioni dell’Est, secondo i quali la beccaccia ha avuto molte difficoltà riproduttive nei luoghi di nidificazione. Anche i monitoratori russi hanno parlato di una bassissima percentuale riproduttiva e i dati francesi e britannici stanno confermando questo trend. La maggiore preoccupazione deriva dal fatto che la proporzione dei giovani dell’anno inanellati in Russia semba essere la più bassa degli anni Duemila, comprendendo nel periodo anche gli anni con forte siccità.

Arci Caccia Umbria ha quindi voluto informare i cacciatori di questo accaduto, nonostante i cicli alti e bassi esistano da sempre. L’invito rivolto al mondo venatorio umbro è quello di diminuire i prelievi in maniera drastica, soprattutto se le condizioni climatiche dello scorso mese di gennaio si dovessero ripresentare.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here