Cabina di regia del mondo venatorio: “Chiude la stagione, puntuali le polemiche e le falsità”

Le associazioni riunite hanno contestato i dati riportati dai media a poche ore dalla fine della stagione venatoria.

0
Cabina di regia

Cabina di regiaLa cabina di regia del mondo venatorio (formatasi in vista delle prossime elezioni politiche e composta da diverse associazioni riconosciute) ha commentatpo i dossier che stanno spuntando come funghi a poche ore dalla fine della stagione venatoria 2017-2018. L’Associazione Vittime della Caccia ha diffuso dati su incidenti e morti, informazioni riportate in maniera ingegnua da una parte dei media. Le associazioni hanno citato un esempio su tutti, quello de Il Fatto Quotidiano, il cui articolo è stato criticato anche da FederFauna.

I numeri dell’autore non sono stati contestati, anche perchè negli anni ci hanno già pensato le associazioni venatorie e il Comitato Nazionale Caccia e Natura. I morti meritano rispetto, ma speculare sul loro numero non può che essere vergognoso. L’impegno maggiore delle associazioni venatorie, però, è quello di aumentare costantemente il livello di attenzione dei praticanti, tanto è vero che gli incidenti totali sono di fatto calati nel tempo.

L’autore dell’articolo ha parlato della caccia come di uno sport, ma non è così. Come sottolineato dalla cabina di regia: “È passione, tradizione, socialità, condivisione della natura! Una cosa ben diversa anche se comprendiamo lei non possa capirlo – e attività all’aria aperta che purtroppo fanno ogni anno un numero di vittime più alto e con costi sociali assai più elevati: sci, raccolta di funghi, escursionismo, alpinismo, nuoto… perfino, pensi un po’, il tennis. Per non parlare degli incidenti domestici, prima causa di morte e invalidità nel mondo“. Le valutazioni sull’attività venatoria non sono suffragate dalla pur minima oggettività.

In particolare, non se ne può parlare come di un qualcosa che ha portato all’estinzione delle specie, anzi cervi, caprioli, daini e lepri sono aumentati grazie alla corretta gestione dei cacciatori. Tra l’altro, è proprio l’Europa a chiedere spesso l’eradicazione delle specie aliene che la deriva animalista vorrebbe invece tutelare. La conclusione della nota è perentoria: “Ideologia e preconcetti, un mix micidiale che altera i fatti. E uccide la verità“.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here