Caccia: in Abruzzo un Calendario Venatorio a norma di legge

0

Parco Nazionale abruzzoDopo le tante polemiche dei giorni scorsi e dopo che il comitato di Valutazione Impatto Ambientale si è espresso favorevolmente alle modifiche del Calendario Venatorio 2011/12,  viene approvata la delibera che apporta le relative modifiche.

15 Settembre 2011 – Approvata dall’assessore alla caccia della Regione Abruzzo, Mauro Febbo, la delibera di modifica al Calendario Venatorio dell’imminente stagione uniformandolo così alle vigenti disposizioni in materia di tutela delle specie protette.

La Giunta Regionale, su proposta dell’assessore alla Caccia, Mauro Febbo, ha approvato la delibera di modifica al calendario venatorio 2011-2012 per uniformalo alle indicazioni del Piano d’azione per la tutela dell’orso marsicano (PATOM). Tale deliberazione è stata preceduta dalla seduta del Comitato VIA della Regione Abruzzo svolta il 13/09 presso la direzione Parchi e Ambiente che ha espresso parere favorevole alle modifiche.

“Tale provvedimento ? afferma l’assessore Mauro Febbo – si è reso necessario poiché il calendario precedentemente approvato era fortemente limitante e non conforme sia alle indicazioni del Piano di tutela dell’orso marsicano (PATOM) che del protocollo d’intesa tra la Provincia de L’Aquila e il Parco nazionale D’Abruzzo.

Infatti – sottolinea l’Assessore – il precedente parere, obbligatoriamente recepito nel calendario venatorio, era anche discriminante nei confronti dei cacciatori aquilani poiché consentiva l’attività venatoria nelle Zona di Protezione Esterna (ZPE) del Parco Nazionale D’Abruzzo, Lazio e Molise e nelle Aree A del PATOM, solo a partire dal 1 novembre e non dal 18 settembre come avviene invece sull’intero territorio Regionale.

La modifica approvata, quindi, ripristina una uniformità di trattamento tra le province e coerenza di gestione del calendario venatorio. Nello specifico, nelle ZPE e nelle zone A del PATOM, limitatamente al cinghiale, l’attività venatoria è consentita dal 18 settembre al 18 dicembre, nella forma di appostamento con carabina munita di ottica, e dal 1 novembre al 18 dicembre anche nella forma della girata.

Tale scelta è stata ampiamente condivisa dall’ISPRA, che ha curato la supervisione scientifica del PATOM. “Ritengo inoltre doveroso informare che il mio Assessorato ha avviato un nuovo percorso partecipativo rispettoso delle esigenze delle parti e nel quale l’attività venatoria viene improntata su criteri tecnico-scientifici e conforme al dettato normativo”.

“Questo lavoro – conclude l’assessore Febbo – viene svolto da un lato per tutelare l’ambiente, e quindi il patrimonio faunistico, e dall’altro per stimolare l’evoluzione della figura e della funzione del cacciatore che sempre più deve qualificarsi come gestore dell’ambiente; la caccia, praticata su basi rigorosamente tecniche e scientifiche, si propone quindi come forma di gestione ambientale, perfettamente compatibile con tematiche di conservazione, ed oggi già nell’essere di molti cacciatori”.

 

Fonte: Regione Abruzzo

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here