Enalcaccia chiede un piano immediato per il controllo dei lupi

L'associazione venatoria ha approfondito la questione del piano appena dettagliato dal Ministero dell'Ambiente.

0
Controllo dei lupi

Controllo dei lupiAnche l’associazione Enalcaccia ha espresso la propria opinione sul Piano Lupo approntato dal Ministero dell’Ambiente. Il vicepresidente nazionale, Iacopo Piantini, è stato molto chiaro: “Il lupo sta crescendo esponenzialmente in tutta la penisola. Abbiamo bisogno di un piano di controllo immediato da attuare, perlomeno, in aree geografiche individuate.

E’ impensabile perseverare con un atteggiamento che continua imperterrito a non tenere conto delle problematiche che il lupo crea, non da ultimo quelle legate alla sicurezza pubblica che potrebbero concretizzarsi, considerato l’avvicinarsi del predatore alle aree urbane; anzi, con tale piano, il Ministro Costa, confermando i più estremisti ed assurdi principi animalisti di salvaguardia della specie ed allo stesso tempo anticaccia, prevede anche l’esclusione della caccia al cinghiale in braccata nelle aree rete 2000 e nelle aree limitrofe ai parchi, quale pratica che disturba la quiete del canide.

Un piano che Enalcaccia contesta, in quanto significherebbe che, nella sola Toscana, verrebbero meno circa 60mila ettari di terreno gestito dalle squadre di caccia al cinghiale, che hanno ben operato su una specie problematica quale il cinghiale, che, nella stessa Regione, registra piani di prelievo di 70mila capi annui abbattuti“. In poche parole la presa di posizione è stata netta e molto precisa.

5/5 (3)

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here