Federcaccia Lecce risponde a Mara Venier: “Le pernici si mangiano e sono ottime”

La conduttrice di "Domenica In" era rimasta interdetta dopo la frase augurale della showgirl Rocio Morales: "Siate felici e mangiate pernici".

0
Mara Venier

Mara VenierPochi giorni fa è andata in onda una delle tante puntate di “Domenica In” su Rai Uno. Una delle ospiti era la modella e showgirl Rocio Morales che è stata intervista e che ha concluso il suo intervento con una frase tipicamente spagnola: “Siate felici e mangiate pernici”. Si tratta di un augurio molto diffuso nella penisola iberica, ma evidentemente la conduttrice Mara Venier non lo sapeva e la sua reazione è stata esagerata. La Venier è infatti apparsa spiazzata e ha chiesto cosa c’entrassero le pernici, animali che, a suo dire, non si possono mangiare.

Giovanni Ciccarese, presidente della Federcaccia provinciale di Lecce, ha colto la palla al balzo e ha scritto una lettera alla redazione del programma per le precisazioni del caso. Ecco cosa ha scritto: “Gentile signora Venier: LE PERNICI SI MANGIANO. La stimo, ammiro e seguo da tanti anni, ma le pernici si mangiano. Solo che nel Paese di Rocio Morales, non vi è quel falso ambientalismo radicale ed esasperato che, inquinando il vero significato di ambiente e protezione, arriva a proibire a Carlo Cracco di cucinare il piccione o agli italiani di mangiare la selvaggina.

È tutto un approccio sbagliato. Si mangiano le pernici come si mangiano i polli, si mangiano i fagiani come i piccioni, le lepri come i conigli. E che dire poi dei tordi in salmì o dell’anatra all’arancia o le costolette di capriolo o cinghiale. Mia cara signora Venier, liberiamoci una volta per tutte dalle influenze del falso ambientalismo ed abbracciamo senza riserve la cultura e la tradizione della cucina italiana, che comprende anche la carne da selvaggina. La migliore. Saluti da un suo grande ammiratore di sempre”.

4.95/5 (135)

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here