FIDC Lombardia: “Il referendum regionale può essere fondamentale per la caccia”

Il voto del prossimo 22 ottobre potrebbe riguardare l'articolo 117 della Costituzione e quindi argomenti come le cacce tradizionali e i roccoli.

0
Roccoli

FIDC LombardiaNella consueta rubrica “Cacciapensieri” Federcaccia Brescia ha parlato di Regione Lombardia e voti elettorali. Per il prossimo 22 ottobre lo stesso ente locale ha indetto un referendum consultivo tra i cittadini per sapere la necessità o meno di chiedere allo Stato una maggiore autonomia su determinate materie. Lo spunto è stato uno degli articoli della Costituzione e una di queste materie interessa molto ai cacciatori lombardi.

Si sta parlando della tutela dell’ambiente, dell’ecosistema e dei beni culturali, come si può leggere chiaramente alla lettera S del secondo comma dell’articolo 117. Come spiegato dall’associazione venatoria, se questa competenza venisse richiesta dalla Regione Lombardia, la partecipazione al referendum che avrà luogo tra poco più di una settimana sarebbe molto importante per i cacciatori. Federcaccia Lombardia invierà dunque una lettera ufficiale al governatore Roberto Maroni e all’assessore regionale Gianni Fava per sollecitare l’argomento in questione e avere una risposta precisa.

Il mondo venatorio locale ritiene che gli scenari previsti sarebbero nuovi, in particolare per quel che riguarda la gestione delle aree protette, il contenimento delle specie selvatiche invasive che danneggiano l’agricoltura e la tutela delle cacce tradizionali. Non bisogna dimenticare, infine, la salvaguardia di determinati beni culturali, roccoli in primis, il patrimonio indiscusso della storia regionale.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here