I casi di aviaria rischiano di cancellare molte sagre degli uccelli nel Bergamasco

L'ATS sta approfondendo le varie situazioni dopo i focolai riscontrati in alcuni allevamenti di tacchini e ovaiole.

0
Influenza aviaria

Casi di aviariaIl presidente della sezione provinciale di Bergamo della Federazione Italiana della Caccia, Lorenzo Bertacchi, ha deciso di commentare la sospensione della fiera degli uccelli di Pontida. L’appuntamento a Valle San Martino è stato cancellato a causa della comunicazione dell’Azienda per la Tutela della Salute di Bergamo al Comune, per la precisione in seguito a nuovi focolai di influenza aviaria in alcuni allevamenti di tacchini e ovaiole in Lombardia.

Anche la Fiera di Casazza può essere considerata annullata, nonostante sia parte integrante della Festa dello Sport del prossimo 29 luglio. Le misure dell’ATS sono un dato di fatto e in caso di focolaio accertato gli accertamenti devono essere approfonditi. Bertacchi si è comunque detto fiducioso, nella speranza che gli addetti accertino in tempi rapidi l’episodio e la sua circoscrizione, limitando i provvedimenti a un ambito territoriale più ristretto. Per la già citata Fiera di Casazza si attendono aggiornamenti positivi, ma i giorni a disposizione sono pochi, dunque Federcaccia Bergamo sta mantenendo un atteggiamento pessimista.

Altri rischi di sospensione riguardano la fiera di Almenno San Salvatore (13 agosto) e quella di Sarnico (15 agosto): sarebbe un peccatto annullarle, in quanto si sta parlando di momenti fondamentali per le tradizionali locali rurali e venatorie. Tra l’altro, il presidente ha sottolineato come finora nessun focolaio di aviaia sia stato riscontrato nei richiami dei cacciatori o negli allevamenti degli stessi richiami.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here