I cacciatori lombardi chiedono una legge per punire chi disturba la caccia

L'associazione si è rivolta alla Regione nella speranza che possa essere seguito l'esempio della Liguria e del Veneto.

0
Caccia vietata

Cacciatori lombardiL’esempio della Liguria e del Veneto ha sicuramente ispirato la richiesta dell’Associazione Cacciatori Lombardi. Come reso noto in un comunicato, infatti, ACL sta reclamando una legge che tuteli chi va a caccia dai disturbatori, un testo normativo ritenuto opportuno in questo preciso momento storico. La legge per punire il disturbo volontario dell’attività venatoria dovrebbe dunque essere una necessità in quella che è la regione delle tradizioni legate alla caccia, oltre che patria del settore armiero.

La richiesta è giunta soprattutto dopo le ultime notizie di danni ai capanni in Valle Sabbia e nei pressi del Monte Orfano, senza dimenticare gli insulti e la violenza verbale di alcuni animalisti. L’associazione venatoria è anche convinta che non sia difficile per la Polizia Postale rintracciare chi festeggia la morte dei cacciatori a causa di incidenti. L’invito rivolto, dunque, è quello di denunciare subito il danneggiamento di un capanno, ma anche l’insulto o la provocazione.

La convinzione che la Lombardia possa seguire senza difficoltà la strada percorsa dal Veneto e dalla Liguria è forte. Come si legge nella nota, si sta cercando di far capire agli associati che la caccia è un diritto e le denunce non sono altro che passaggi obbligatori per ogni cittadino onesto. Si attende ora una risposta della Regione, chiamata a dare garanzie prima che sia troppo tardi. Il sospetto è che dietro le sigle animaliste si nasconda qualcuno che punti a farsi eleggere a Bruxelles per trovare una “redditizia e comoda poltroncina“.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here