La Regione Abruzzo presenta la proposta di calendario venatorio 2019-2020

L'assessore ha convocato la Consulta Regionale della Caccia per il prossimo 26 giugno e si parlerà di diversi argomenti.

0
Regione Abruzzo

Regione AbruzzoLa Regione Abruzzo ha deciso di pubblicare quella che è la propria proposta di calendario venatorio per quel che riguarda la stagione 2019-2020. La giunta si è appena insediata e di conseguenza c’è un nuovo assessore all’Agricoltura, Emanuele Imprudente. Quest’ultimo ha convocato la Consulta Regionale della Caccia per il prossimo 26 giugno. Si parlerà di diversi argomenti, approfondendo le critiche provenienti dall’Ambito Territoriale di Caccia Vastese.

Gli aspetti più controversi sono l’assenza della caccia in pre-apertura e le chiusure anticipate per quel che riguarda alcune specie migratorie. Nel dettaglio, ecco quali date sono state scelte per i vari ungulati e volatili.

Quaglia: 15 settembre-30 dicembre 2019

Fagiano: 15 settembre 2019-30 gennaio 2020 (a gennaio i prelievi verranno autorizzati solo nelle UTG che attuano il monitoraggio standardizzato)
Merlo: 15 settembre-30 dicembre 2019
Cesena, tordo bottaccio e tordo sassello: 15 settembre 2019-20 gennaio 2020
Colombaccio: 2 ottobre 2019-10 febbraio 2020
Cornacchia grigia, gazza e ghiandaia: 15 settembre 2019-30 gennaio 2020
Lepre: 2 ottobre-22 dicembre 2019
Volpe: 2 ottobre 2019-30 gennaio 2020
Starna: 2 ottobre-30 novembre 2019
Beccaccia: 2 ottobre 2019-20 gennaio 2020
Coturnice: 3 ottobre-30 novembre 2019
Cinghiale: 16 ottobre 2019-16 gennaio 2020
Alzavola, Fischione, Folaga, Gallinella d’acqua, Germano reale, Marzaiola, Pavoncella, Porciglione, Canapiglia, Codone, Frullino, Mestolone, Moriglione: 15 settembre 2019-30 gennaio 2020
Allodola: 2 ottobre-30 dicembre 2019
Beccaccino: 2 ottobre 2019-20 gennaio 2020

3/5 (2)

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here