L’Unione Europea sta pensando a una tassa sulla carne: l’aliquota verrebbe fissata al 25%

L'ipotesi è al vaglio del Parlamento Europeo, dopo che tre eurodeputati hanno suggerito questa novità fiscale.

0
Tassa

TassaUna nuova tassa? Italia Oggi ha approfondito la possibile introduzione di un balzello che dovrebbe riguardare niente meno che la carne. L’ipotesi è al vaglio del Parlamento Europeo, dopo che tre eurodeputati hanno suggerito questa novità fiscale. Di cosa si tratta esattamente? I politici in questione fanno parte dei Verdi e dei Socialisti e Democratici. L’obiettivo sarebbe quello di tassare il prodotto per salvaguardare l’ambiente e coprire i costi sostenuti per gli allevamenti di bestiame.

Si sta parlando di un’imposta pari al 25%, in modo da aumentare i prezzi di maiale, pollo e altri volatili. Nel caso della carne suina, infatti, ogni cento grammi ci sarebbe un rincaro di 36 centesimi, mentre l’aumento arriverebbe a 47 centesimi per quel che riguarda i bovini. L’aliquota andrebbe applicata in maniera graduale, cominciando nel 2021 e puntando al 2030 come al momento finale per il gettito desiderato (circa 30 miliardi di euro l’anno).

Il denaro accumulato, poi, coprirebbe al 100% i costi ambientali che gli eurodeputati continuano ad imputare alle aziende zootechiche, nello specifico alle emissioni di anidride carbonica e ai nitrati. Lo scenario non è affatto incoraggiante per l’agroalimentare, visto che entro il 2030 la carne bovina è destinata a crollare del 67% per quel che riguarda i consumi (-57% per la carne di maiale).

1.6/5 (5)

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here