Michela Brambilla: “Il Ministero della Salute non deve discriminare chi non mangia carne”

Il problema, secondo la Brambilla, è che le nuove linee guida ministeriali smentiscono quelle in vigore fin dal 2010.

0
Brambilla

Michela BrambillaTorna alla ribalta, Michela Vittoria Brambilla. Stavolta, con una battaglia… vegana. L’onorevole lecchese, presidente della Lega italiana per la Difesa degli Animali e dell’Ambiente, ha presentato un’interrogazione parlamentare per chiedere al Governo “Quale urgente iniziativa” intenda intraprendere il Ministro della Salute Roberto Speranza per evitare “la discriminazione delle persone o delle famiglie che operano una scelta alimentare vegana o vegetariana, alle quali, secondo le nuove Linee di indirizzo nazionale per la ristorazione scolastica, ospedaliera e assistenziale, in corso d’approvazione, potrebbe essere imposto l’obbligo di prescrizione medica per ottenere il regime alimentare richiesto.

Il problema, secondo la Brambilla, è che le nuove linee guida ministeriali smentiscono quelle in vigore fin dal 2010, secondo le quali: “Non è sindacabile né attestabile da un medico la scelta etica e culturale vegana o vegetariana di una persona, di una famiglia, così come le scelte alimentari religiose, non trattandosi di una malattia”. Insomma il cambio di linea del dicastero di Lungotevere Ripa non è andato giù alla fedelissima berlusconiana: a suo dire addirittura scoraggerebbe chi sceglie di non mangiare carne.

“Organismi internazionali come IPCC, FAO e OMS affermano da tempo che il contrasto ai cambiamenti climatici si realizza anche sulle nostre tavole – dove può fare la differenza la preferenza bilanciata per gli alimenti vegetali, meno impattanti e più salutari – ed hanno più volte ribadito la validità e l’adeguatezza in tutti gli stadi del ciclo vitale delle scelte alimentari che prevedono riduzione o esclusione dei prodotti di origine animale” (Giornale di Lecco).

2.17/5 (6)

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here