Prendo un cucciolo! No prima il “Patentino”.

0

Obblighi e doveri della detenzione del cane, educazione dell’animale, acquisizione di abilità necessarie alla sua conduzione.

E alla fine, il rilascio di un patentino che attesti le capacità acquisite da parte del proprietario e del cane. Difatti, il Ministero della salute, del lavoro e delle politiche sociali e la Federazione nazionale degli Ordini dei medici veterinari italiani, in collaborazione con le principali Associazioni culturali di medicina veterinaria comportamentale e con il mondo accademico hanno predisposto il “percorso formativo per proprietari di cani” previsto dall’ordinanza 3 marzo 2009 inerente la “tutela dell’incolumità pubblica dall’aggressione di cani”.

  L’obiettivo prefissato attraverso questo programma di formazione è la realizzazione di una corretta e sana relazione uomo-cane, atavico rapporto spesso mal gestito ai giorni d’oggi.

L’evoluzione della società, l’urbanizzazione e il cambiamento nel modo di vivere dei nuclei familiari, avvenuti con velocità frenetica negli ultimi decenni, hanno complicato la convivenza e generato talvolta gravi  situazioni di disagio.

I tragici episodi che negli ultimi anni hanno visto il coinvolgimento dei cani, bambini, anziani, donne e uomini, soprattutto in ambito domestico, sono stati spesso determinati dall’ignoranza delle più elementari regole di rispetto tra specie diverse. Spesso molti dimenticano e non considerano che il cane è un “essere senziente” e come tale possiede proprie peculiarità comportamentali e propri bisogni. La convivenza tra cane e uomo per essere serena e appagante deve rispettare la dignità e le caratteristiche di entrambe le specie: per questo è necessario imparare ed utilizzare un linguaggio comune. E per fare ciò occorre impegno e determinazione!

I corsi formativi che in questi giorni vengono organizzati dai medici veterinari e delle Istituzioni preposte (art. 1, comma 4 dell’ordinanza) sono rivolti a tutti i proprietari di cani e sono gratuiti!

Verranno mostrati ai proprietari quali siano i doveri e le responsabilità che derivano dalla scelta di convivere con un cane nonché le esigenze etologiche ed il linguaggio del proprio compagno a quattro zampe al fine di evitare errori di educazione e di comunicazione che possono determinare disagi e problemi che si possono verificare nelle diverse fasi della vita del cane.

I corsi saranno OBBLIGATORI per i proprietari dei cani considerati “a rischio elevato” (ovvero cani che già hanno aggredito).

L’istituzione del “patentino” per i proprietari e detentori di cani è un ulteriore passo in avanti nel panorama legislativo nazionale a tutela dell’Uomo ma anche e soprattutto al benessere dei cani.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here