Caccia: Brescia, richiami vivi e dintorni

0

Inanellamento uccelliCaccia: Brescia, richiami vivi, ruoli e competenze delle guardie zoofile ed stati i temi principali dell’incontro tenutosi in Provincia.

Le modalità di applicazione degli anelli ai volatili impiegati come richiami vivi ma anche una riflessione sui ruoli e le competenze delle guardie zoofile. Sono questi i temi più caldi affrontati l’altro ieri dalla commissione a Palazzo Broletto. Un dibattito che ha voluto smarcarsi dalla battaglia a colpi di carte bollate sulla questione dei roccoli cercando piuttosto di fare chiarezza sulla controversa materia offrendo ai cacciatori bresciani interpretazioni autentiche sulle regole di ingaggio. Particolarmente delicata la questione degli impianti di cattura di uccelli migratori destinati poi a diventare richiami vivi per i capannisti. Per non inciampare come avvenuto ripetutamente in passato nei ricorsi al Tar della Lega abolizione caccia (l’ultimo pronunciamento è stato tuttavia favorevole al Pirellone), il piano quinquennale della Regione prevede la riduzione progressiva della cattura di uccelli selvatici che andrà di pari passo con l’impiego come richiami vivi di volatili di allevamento.

Un processo che dovrebbe portare alla chiusura di tutti i roccoli entro il primo gennaio 2017. Alle guardie provinciali dovrebbe essere affidata l’applicazione degli anelli di riconoscimento come peraltro stabilito dall’Ue che ha anche fissato il varo di una mega banca-dati. Misure tese a scoraggiare il mercato clandestino di volatili selvatici catturati in impianti abusivi che prolifera anche attraverso anelli contraffatti. Per il territorio di Brescia, dove è fissato in 90 mila esemplari il tetto massimo di cattura, si annuncia un lavoro immane.

Più complesso, giuridicamente parlando, sciogliere il nodo dei difficili rapporti fra i cacciatori e le guardie zoofile. Da tempo, le doppiette denunciano un pressing che a loro modo di vedere andrebbe oltre i ruoli e le competenze dei volontari impiegati in ruolo di pubblico ufficiale ma la tesi delle «doppiette» non ha mai trovato elementi oggettivi a supporto.

La Provincia si sta interfacciando con la Prefettura per cercare di trovare soluzioni che raffreddino le tensioni fra gli appassionati dell’attività venatoria e le guardie zoofile senza per questo garantire l’immunità ai cacciatori che violano le regole. Ma il percorso è sospeso in un limbo visto che la sopravvivenza delle Province è appeso a un filo.

6 febbraio 2014

Fonte:  BresciaOggi

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here