Caccia: Dopo un’estate di volontariato, il 20 settembre al via la stagione venatoria 2015/2016

Piero Certosi, Presidente Atc Firenze-Prato: “L'emergenza ungulati è finalmente all'attenzione del Consiglio regionale. I nostri cacciatori hanno fatto il massimo in un'estate in cui la siccità ha esasperato il problema. A tutti i miei ringraziamenti”.

0
Vigneto nel bosco
Vigneto nel bosco
Vigneto nel bosco

Il 20 settembre per 20.000 iscritti all’Atc Firenze Prato riparte la stagione venatoria. Una stagione  alla quale i cacciatori arrivano dopo un’estate caratterizzata da un forte  impegno sul fronte del volontariato  per la prevenzione dei danni causati dagli ungulati, ma non solo.

“Vorrei ringraziare tutti gli iscritti – commenta  il Presidente dell’Atc Firenze  Prato Piero Certosi – per lo straordinario impegno  degli ultimi mesi.  Un impegno che ci ha visti protagonisti non solo sul territorio di caccia, ma anche nella città di Firenze. Mi piace infatti ricordare  la grande  partecipazione dei cacciatori dell’Atc, coordinati da Quadrifoglio,  per ripulire  e rendere di nuovo agibili le strade della zona di Firenze sud, pesantemente colpita dal nubifragio del 1° agosto”.

A questo impegno straordinario si è affiancato l’altrettanto straordinaria  attività, a causa di un’estate estremamente siccitosa,  sul fronte della prevenzione dei danni causati all’agricoltura di pregio, la viticoltura in particolare,  da parte degli ungulati.

Nei mesi  di luglio e agosto infatti la mancanza di acqua e la scarsità di cibo nei boschi hanno indotto la selvaggina  a ricercare il proprio sostentamento nelle aree coltivate. In particolare nei vigneti, poiché l’uva ha costituito   spesso l’unica fonte di rifornimento idrico.

“ Negli stessi mesi – prosegue Certosi –  dopo il nostro appello ai cacciatori a prestare la loro opera volontaria,  abbiamo contato circa 2000 cinghiali e 1000 caprioli abbattuti con la caccia e con interventi di controllo su richiesta degli agricoltori.  In particolare per quest’ultimo tipo di attività abbiamo avuto numerose richieste  da parte di aziende agricole distribuite su tutto il territorio dell’Atc e la risposta,  puntuale e mirata, di altrettanto numerosi cacciatori volontari. 

“La stessa Regione Toscana ha preso atto  di questa emergenza, che non costituisce certo una novità, anche se la situazione climatica di quest’anno l’ha senz’altro esasperata. La proposta di una legge regionale obiettivo sugli ungulati, di durata triennale, presentata dall’Assessore Remaschi al Consiglio del 9 settembre scorso, recepisce istanze che andiamo presentando da tempo. Si propone infatti di riportare  gli ungulati  a un livello compatibile con il territorio, attraverso  varie modalità d’intervento, per garantire l’agricoltura, l’ambiente e  non per ultima la sicurezza dei cittadini, vista la crescita degli incidenti stradali dovuti all’attraversamento degli ungulati. Punto di forza della proposta, a nostro avviso, è la volontà di una strategia omogenea e complessiva dell’intero territorio regionale.

“In attesa di vedere gli sviluppi  di questa interessante attività legislativa e in vista dell’apertura ufficiale del 20 settembre prossimo   – conclude il Presidente Certosi – invito tutti i cacciatori  a un comportamento corretto, al rispetto delle normative, della sicurezza  e del territorio”.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here