Cacciatori Lombardi: “Giù le mani dalla caccia da appostamento!”

L'associazione venatoria non vuole mollare un centimetro sulla questione ed è sicura di avere a che fare con un nutrito gruppo di oppositori.

0
Appostamento

Caccia da appostamentoDopo i propositi per il nuovo anno appena cominciato, l’Associazione Cacciatori Lombardi ha posto l’accento sulla questione della caccia da appostamento. ACL pretende che a questo punto si dica in faccia che c’è l’intenzione di eliminare questo prelievo venatorio, con iniziative e manovre finalizzate allo stesso obiettivo. Una volta che gli oppositori avranno trovato il coraggio di dirlo, l’associazione preparerà risposte adeguate.

Uno dei segnali più chiari in questo senso è stato senza dubbio la chiusura anticipata dei roccoli, senza dimenticare il divieto di utilizzo dei richiami vivi, la banca dati, gli anellini identificativi e il prelievo di DNA a tutti gli uccelli detenuti. Secondo i Cacciatori Lombardi, tutte queste misure sono destinate a far cessare una delle cacce più radicate e diffuse nella regione, una vera e propria tradizione.

Un altro problema di non poco conto la confusione creata da giornali, radio e televisioni, con una continua confusione tra caccia e bracconaggio che indirizza l’opinione pubblica. Tra l’altro, il silenzio di altre associazioni non è di aiuto alla caccia da appostamento. ACL vuole che si scoprano le carte e che si faccia chiarezza, la nota ufficiale di oggi si conclude con l’intenzione di non mollare un centimetro.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here