A marzo la sedicesima edizione di “Caccia, pesca e natura” a Longarone

La tre giorni si svolgerà nel polo fieristico del comune veneto: sono previste degustazioni, esibizioni e momenti di confronto.

0

cacciapescanatura2014locandina (2)Dall’11 al 13 marzo 2016 andrà in scena la sedicesima edizione di “Caccia, Pesca & Natura”, la fiera nazionale di prodotti, attrezzature e servizi destinati alla caccia e alla pesca sportiva che viene organizzata ogni anno a Longarone (provincia di Belluno). Si tratta di uno degli appuntamenti venatori più seguiti dagli appassionati nel nostro paese. Il complesso fieristico del comune veneto ospiterà la tre giorni a cui parteciperanno le principali aziende che producono fucili e armi, ma anche quelle attive nell’abbigliamento venatorio e molto altro. Nel corso dell’ultima edizione, quella del 2015, la tradizionale “Festa del cacciatore” ha festeggiato i suoi vent’anni di vita, uno dei momenti principali dell’intera manifestazione in quanto le istituzioni, le associazioni di settore e i distretti venatori di montagna si incontrano e confrontano.

Le esposizioni riguardano anche la pesca sportiva, con gare a squadre e individuali. L’organizzazione dell’evento è curata dall’Associazione Tassidermisti Italiani e anche in questa sedicesima edizione non mancherà il Concorso Nazionale di categoria (giunto al suo 14° anno): ci saranno due divisioni, vale a dire quella destinata ai novizi (preparatori con meno di cinque anni di esperienza) e ai professionisti (preparatori di professione o comunque con più di cinque anni di esperienza).

Oltre a un seminario sulla preparazione di base di un uccello, la spellatura, la scarnitura e la concia, ci sarà spazio per approfondire le tecniche di colorazione con l’aerografo e ovviamente la premiazione finale. Il polo fieristico di Longarone si conferma dunque un punto di riferimento molto importante per quel che riguarda l’intero mondo della tassidermia e per il settore venatorio in generale. D’altronde, si sta parlando della sede che è naturalmente più predisposta per la caccia di montagna, un argomento che appassiona i cacciatori da sempre, anche perché è qualcosa di diverso dal solito, oltre che una esperienza bella e autentica.

Chi ha partecipato all’ultima edizione ha avuto modo di conoscere le prerogative delle attività realizzate dai cosiddetti “cani da veleni”, gruppo di unità cinofile allestito dalla Regione Veneto, senza dimenticare le discussioni sui problemi di valutazione dell’età degli ungulati, un tema classico quando si ha a che fare con la caccia di montagna e che non potrà mancare neanche quest’anno alla luce delle ultime polemiche. Grandi protagoniste saranno anche le degustazioni di piatti tipici a base di selvaggina, con i cacciatori che organizzeranno i vari stand: i tre giorni saranno all’insegna dello scambio di esperienze di caccia e della scelta di eventuali uscite in gruppo.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here