Bracconiere morto nel Parco Castelli Romani, scambiato per cinghiale dal complice

Bracconiere morto nel Parco Castelli Romani, un complice gli aveva sparato scambiandolo per un cinghiale; Federcaccia Lazio sull’accaduto, “Dispiaciuti, ma la caccia è ben altra cosa”.

0
Federazione Italiana della Caccia - Associazione Venatoria
Federazione Italiana della Caccia – Associazione Venatoria

Ancora un bracconiere ucciso perché scambiato per un cinghiale. Federcaccia Lazio: “Dispiaciuti, ma la caccia è ben altra cosa. Il problema politico dei cinghiali nei parchi”.

Il mondo venatorio partecipa con cordoglio al dolore che ha colpito i cari e gli amici dell’uomo deceduto, lo scorso 30 dicembre, durante un’azione di bracconaggio per abbattere cinghiali all’interno del Parco Regionale dei Castelli Romani, nella zona di Rocca Priora.

“Ma attenzione”, specifica il presidente di Federcaccia Lazio Aldo Pompetti, “perché il dolore per la scomparsa di una persona non vuol dire automaticamente approvazione per ciò che questi stava facendo al momento del decesso. Gli atti di bracconaggio, che purtroppo sono abituali all’interno del Parco Regionale dei Castelli Romani, non sono in alcun modo accostabili al regolare esercizio venatorio”.

L’incidente che ha provocato la morte dell’uomo, ex meccanico dell’Atac si è svolto in un’area protetta, preclusa all’attività venatoria, durante una battuta illegale posta in essere senza le dovute accortezze che la legge consente e impone al contempo, quali ad esempio l’uso di adeguata tabellazione, abbigliamento ad alta visibilità e, soprattutto, l’obbligo di assoluta immobilità per i cacciatori alle poste.

“Purtroppo – aggiunge il presidente Pompetti – il fenomeno del bracconaggio è presente in gran parte dei Comuni ricadenti all’interno di questa come di altre aree protette. Ogni zona del Parco ha la sua ‘squadretta’ di bracconieri, che sono un pericolo sia per loro stessi sia per gli altri utenti dell’ambiente. Tra l’altro alcuni di questi cacciatori di frodo non sono neanche in possesso di porto d’armi, oppure la loro licenza è scaduta da tempo senza che abbiano provveduto a rinnovarla. Il risultato è una situazione generale di pericolo per la collettività e, come se non bastasse, ad ogni incidente di bracconaggio si levano voci ‘benpensanti’ ad additare il mondo dei cacciatori, totalmente estraneo a questo genere di attività illegali”.

Il problema è, neanche a dirlo, di ordine sociale e politico. I cinghiali sono in sovrannumero all’interno delle aree protette del Lazio in generale e dell’hinterland romano in particolare. La presenza eccessiva di questi animali provoca danni alle colture e incidenti stradali, con le amministrazioni che non riescono a far fronte economicamente alle richieste di risarcimento.

“Federcaccia Lazio – conclude Aldo Pompetti – ha più volte proposto di intervenire in maniera contenitiva, con gli strumenti previsti dalla legge nazionale 394/91 che regola le aree protette: non soltanto la voce dei cacciatori è rimasta costantemente inascoltata dalle istituzioni, ma su di noi si abbatte anche la beffa di essere colpevolizzati ogni qual volta un bracconiere commette reati venatori”.

Ufficio Stampa Federcaccia Lazio

( 8 gennaio 2015 )

 

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here