Caccia: Siena, per l’apertura generale novità per il cinghiale e deroga per lo storno

0

Caccia al Cinghiale - Cacciatore con caneCaccia: Siena, per l’apertura generale della Stagione Venatoria la Provincia introduce novità per il cinghiale e caccia in deroga allo storno con tesserino aggiuntivo obbligatorio.

La stagione venatoria 2013-2014 è ai nastri di partenza. Domenica 15 settembre è il giorno dell’apertura generale della caccia, che in provincia di Siena coinvolge circa 10 mila “doppiette”. Secondo il Calendario venatorio, approvato dalla Regione Toscana e integrato dalla giunta senese a metà agosto, da domenica sarà consentita la caccia alla specie lepre comune (fino all’ 8 dicembre 2013); alla specie combattente, con un limite di carniere stagionale di 10 capi per cacciatore (fino al 31 ottobre 2013); alle specie tordo bottaccio, alzavola, beccaccino, canapiglia, codone, colombaccio, cornacchia grigia, fischione, folaga, frullino, gallinella d’acqua, gazza, germano reale, ghiandaia, marzaiola, mestolone, moriglione, pavoncella, porciglione (fino al 30 gennaio 2014); alle specie coniglio selvatico, quaglia, merlo, tortora (fino al 30 dicembre 2013); al fagiano, nel territorio a caccia programmata (fino al 30 dicembre 2013) e nelle AFV, Aziende Faunistico Venatorie e nelle AAV, Aziende agrituristico venatorie (fino al 30 gennaio 2014); alla volpe nel territorio a caccia programmata (fino al 30 dicembre 2013) anche con l’uso del cane da seguita. Per le specie oggetto di preapertura (colombaccio, tortora, merlo, gazza, ghiandaia e cornacchia grigia) la stagione venatoria terminerà un giorno prima rispetto a quelle sopra indicate. Caccia la cinghiale. La Giunta provinciale ha definito inoltre tutte le modalità per cacciare il cinghiale nella prossima stagione venatoria. Rimangono sostanzialmente invariate le norme per quanto riguarda la zona vocata, con il prelievo consentito esclusivamente nella forma della braccata alle squadre assegnate ai Distretti di gestione, dal 2 novembre 2013 al 30 gennaio 2014.

Molte le novità, invece, sulla zona non vocata, dove il prelievo del cinghiale è consentito in forma singola, anche con l’uso del cane, dal 1 ottobre 2013 al 30 novembre 2013. Nello stesso periodo – dal 1 ottobre 2013 al 30 novembre 2013 e dal 1 gennaio 2014 al 30 gennaio 2014 – sono consentiti anche interventi collettivi di prelievo venatorio della specie finalizzati a intensificare il contenimento del cinghiale e limitarne la densità nell’ottica di una maggiore tutela delle produzioni agricole, che verranno disciplinati dagli ATC.

Caccia in deroga allo storno. La Regione Toscana, mercoledì 10 settembre, ha decretato l’obbligo per i cacciatori residenti in Toscana di munirsi di un tesserino aggiuntivo per poter accedere al prelievo in deroga dello storno. Tutti coloro che sono interessati alla caccia della specie sono invitati a recarsi, muniti del tesserino verde regionale, presso il proprio Comune di residenza, l’ATC o il Settore Risorse Faunistiche della Provincia di Siena, per ritirare l’apposito tesserino aggiuntivo su cui dovranno essere segnati i capi abbattuti e che dovrà essere riconsegnato al Comune di residenza al termine della stagione venatoria.

Si ricorda che il prelievo della specie è consentito solo da appostamento nei comuni di Asciano, Casole d’Elsa, Castellina in Chianti, Castelnuovo Berardenga, Cetona, Chiusi, Colle di Val d’Elsa, Gaiole in Chianti, Montalcino, Montepulciano, Monteroni d’Arbia, Murlo, Piancastagnaio, Pienza, Poggibonsi, Rapolano Terme, San Casciano dei Bagni, San Giovanni d’Asso, Siena, Sinalunga, Sovicille e Torrita di Siena. Sono esclusi territori ricadenti all’interno delle ZPS.

Il prelievo può essere effettuato fino al 15 dicembre 2013, senza l’uso di richiami della specie di riferimento, per un massimo di 20 capi giornalieri e 100 complessivi, solo nei vigneti, negli oliveti e nei frutteti a maturazione tardiva, nonché in prossimità degli stessi per un raggio di 100 metri, e solo in presenza del frutto pendente e negli appezzamenti in cui sono in atto sistemi dissuasivi incruenti a protezione delle colture.

Ogni altra prescrizione regionale di dettaglio potrà essere visionata sul sito tematico della Provincia di Siena.

14 settembre 2013

Provincia di Siena

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here