EPS Campania chiede anticipo addestramento/allenamento cani da caccia

0

Cacciatore con cane - addestramentoEPS Campania chiede alle Amministrazioni Provinciali di valutare l’anticipo del periodo di addestramento/allenamento dei cani da caccia da ferma, da cerca e da seguita.

L’Ente Produttori Selvaggina, Sezione Regionale Campania, Settore cinofilo-venatorio, a seguito della intervenuta normativa regionale di cui all’art. 24 comma 5 della L.R. 09 agosto 2012 n. 26 e successive modifiche ed integrazioni, “L’addestramento dei cani da ferma, da cerca e da seguita è consentito, nei territori dove non sussiste il divieto di caccia e non vi sono colture in atto, nel periodo consentito per l’attività venatoria, esclusi i giorni di silenzio venatorio. Le Province, con provvedimento di Giunta, possono autorizzare l’anticipo fino a quarantacinque giorni, ad esclusione del martedì e venerdì, delle attività di addestramento cani in aree circoscritte dopo aver accertato l’assenza di esemplari di fauna selvatica in fase di nidificazione o di dipendenza della prole dai genitori.”; – che recepisce, la sentenza della Corte Costituzionale n. 303 pubblicata in G.U. il 18-12-2013, letta in combinato con il Calendario Venatorio Regione Campania 2014-2015, di cui alla deliberazione di G.R. n. 207 del 23/06/2014, ha formalmente chiesto a tutte le Amministrazioni Provinciali della Campania, di adottare ogni più utile ed opportuno provvedimento di legge onde consentire la possibilità di anticipare l’addestramento/allenamento dei cani da ferma, da cerca e da seguita, (in anticipo sino a quarantacinque giorni prima antecedenti l’apertura dell’attività venatoria) rispetto al periodo consentito per l’attività venatoria, fissato, ex lege, alla terza domenica di settembre.

Tale attività viene, tradizionalmente, svolta alle prime ore del mattino in relazione alle temperature elevate tipiche del periodo estivo, si legge nella nota, in sintonia, quindi, con quanto raccomandato anche dall’ISPRA, inoltre tale inizio anticipato gioverebbe al benessere del cane, consentendogli di riabituarsi, gradualmente, all’attività dopo mesi di riposo forzato. Che, ancora, l’addestramento ed allenamento dei cani potrebbe costituire un valido ausilio, se non essere considerato, addirittura, propedeutico, all’effettuazione di censimenti della fauna selvatica stanziale, non va dimenticato che il prelievo delle specie fagiano (Phasianus colchius) e lepre comune (Lepus europaeus), in Campania, è subordinato ad un piano di prelievo, rispettivamente predisposto dagli AA.TT.CC. e dalle Province.

In Provincia di Benevento, anche Liberacaccia e ANUU Migratoristi hanno fatto pervenire all’Ente, in questi ultimi giorni, richiesta tesa a valutare la opportunità all’anticipo dell’addestramento cani. Speriamo, che nei prossimi giorni, qualcosa si muova…….finalmente!!!!
Restiamo fiduciosi

Segreteria Regionale EPS CAMPANIA

 

( 17 luglio 2014 )

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here