Ricette di selvaggina: Cinghiale in dolceforte

Il cinghiale in dolceforte è una cottura che ha antiche origini ma che è ancora usate per rendere gustosi i piatti delle grandi occasioni

0
cinghiale

cinghiale La cottura in dolceforte è un modo antichissimo di cucinare la carne e, in particolare, tipico della terra Toscana. Così, nel Trecento, venivano trattate le carni di lepre, cervo e cinghiale, nelle occasioni speciali.

In occasione della Pasqua una ricetta da mettere in tavola durante il pranzo è il Cinghiale in Dolceforte, un piatto semplice che lascerà senza parole i vostri invitati. Vediamo gli ingredienti e la preparazione.

Ingredienti

1 kg di polpa di cinghiale
50 gr di prosciutto
50 gr di cioccolato fondente tritato
30 gr di pinoli
60 gr di uvetta e frutta candita
50 gr di zucchero
1 cipolla
1 carota
2 coste di sedano
10 gr di farina
noce moscata
2 chiodi di garofano
1 bicchiere di aceto
1 l di brodo di carne
1 bottiglia di vino rosso
6 foglie di alloro
olio extra vergine d’oliva
sale
pepe

Preparazione

cinghialeTagliate la polpa di cinghiale a pezzi e lasciatela marinare nel vino rosso con mezzo bicchiere d’aceto e foglie d’alloro, per 12 ore. Una volta trascorso il tempo della marinatura scolate la carne. Nel frattempo filtrate e conservate due mestoli di liquido che serviranno successivamente.

 

Tritate il prosciutto, la cipolla, il sedano e la carota. Gli ingredienti dovranno essere tagliati finemente perchè faranno parte del soffritto. Una volta preparato il fondo, prendete un tegame mettetelo sul fuoco con l’olio e raggiunta la temperatura aggiungete il trito.

Lasciate soffriggere per qualche minuto. Quando le verdure saranno dorate aggiungete il cinghiale e fatelo rosolare. In cottura aggiungete sale, pepe e cospargete il tutto con la farina.

cinghialeMentre la carne va, sfumatela con il liquido della marinatura. Aggiungete il brodo poco alla volta fino a terminare la cottura. La carne di cinghiale dovrà cuocere a fuoco basso per circa tre ore.

Nel frattempo mescolate il cioccolato, l’uvetta, i pinoli, i canditi, le spezie, lo zucchero e mezzo bicchiere d’aceto.

A fine cottura versate il composto nel tegame cuocendo per qualche minuto e mescolando delicatamente.

Quando il tutto si sarà amalgamato, il cinghiale in dolceforte è pronto per essere servito.

4.69/5 (13)

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here