venerdì, 06 marzo 2015

Caccia: Ultimo Aggiornamento02:09:04 PM GMT

RSS
Tu Sei Qui: Fucili da caccia

Sovrapposto Fausti Magnificent: estetica e meccanica “magnifiche”

Sovrapposto Fausti Magnificent: estetica e meccanica “magnifiche”Fausti: Dal punto di vista estetico, il fucile sovrapposto da caccia Fausti Magnificent segna nuovi standard nel panorama nazionale ed internazionale del settore armiero. Osservando il fucile nella sua totalità, si comprende il richiamo alla storia dell’arte che la Fausti ha voluto esprimere attraverso questo sovrapposto. Ciò che risalta subito all’occhio dell’osservatore (e quindi del cacciatore) è sicuramente la bascula.

Attraverso le più moderne tecniche di produzione, la Fausti è riuscita a conseguire un notevole risultato sia dal punto di vista della meccanica connessa all’affidabilità dell’arma, sia dal punto di vista estetico. Non a caso, l’azienda di Marcheno (BS) ha scelto come nome di questo sovrapposto Magnificent, scelta finalizzata a mantenere vivo lo straordinario periodo storico rinascimentale, durante il quale i grandi artisti italiani realizzavano splendide opere scultoree e cesellate. Opere d’arte che ancora oggi ispirano l’estetica, in questo caso di un fucile.

La Fausti, per realizzare l’estetica della bascula, ha impiegato l’originale e pregiata tecnica del “Nuovo Cesello” con la quale si raggiunge la sorprendente combinazione di stile e creatività. La tecnica del “Nuovo Cesello” riesce a combinare due elementi: l’abilità del maestro incisore nel creare nuove forme e geometrie, e la rivoluzionaria tecnologia tridimensionale applicata al laser. Quest’ultima esalta e fa emergere un terzo elemento di distinzione, la scultura, la forma d’arte con la quale l’opera d’arte entra nello spazio dell’osservatore.

Leggi tutto...

Browning BAR in 9,3x62. Carabina rigata semiautomatica leggera e potente..

Browning BAR in 9,3x62. Carabina rigata semiautomatica leggera e potente..

Browning BAR: Dopo la fenomenale diffusione dei calibri magnum reputati necessari per ogni genere di caccia si sta assistendo a un riposizionamento più razionale delle diverse cartucce con rivalutazione di quelle messe indebitamente da parte.

di Emanuele Tabasso

Nel corso degli ultimi decenni si è assistito a un fenomeno molto particolare nella scelta delle cartucce: nel dopoguerra i magnum d’oltre Atlantico si erano ritagliati una parte consistente del mercato ponendo in angolo molte valide soluzioni precedenti, soprattutto quelle create dai tedeschi. Le guerre, come ben si sa, non si vincono solo per la gloria e per gli ideali (molto simili a quelli che in artiglieria si definiscono i “falsi scopi”), ma con un occhio acuto e interessato ai risvolti commerciali. Trascorsi tuttavia parecchi anni certe cose buone vengono riscoperte e, in mezzo al tutto e al di più cui ci si è abituati, si inizia a valutare con maggior oculatezza tutta la serie di prerogative di un certo prodotto. Nelle cartucce da arma rigata si è visto così risorgere un buon numero di cariche non esasperate, affiancate da altre nuove dello stesso indirizzo, segno manifesto che non sempre dove sta il più sta il meno, o per esser più precisi, a volte il di più è solo un fastidio, come camminare con scarpe numero 46 quando abitualmente s’indossi un 43. Questo movimento ideale si riscontra a pieno titolo nei semiautomatici rigati e proprio le camerature scelte nel BAR della Browning ne offrono un chiaro esempio.

Leggi tutto...

Armsan CRE 8 W Fonex in calibro 28/70

Armsan CRE 8 W Fonex in calibro 28/70

Armsan CRE 8 W Fonex: L’azienda turca distribuita da Bignami offre una gamma di semiautomatici a quotazioni molto interessanti e fra le diverse proposte il modello in calibro 28/70 ci pare in linea con le attuali richieste.

di Emanuele Tabasso

La Armsan turca è una delle aziende armiere situate nella penisola dell’Anatolia interessata al mercato italiano e ha affidato alla ditta Bignami di Ora (BZ) la distribuzione del proprio prodotto dove spiccano i semiautomatici a pallini. Le potenzialità della ben nota azienda atesina sono garanzia primaria di penetrazione commerciale e siamo quindi andati a sondare quanto fosse disponibile nel settore delle canne lisce: una certa stasi affligge tale comparto armiero, ma fanno eccezione i piccoli calibri, come il 28 e il .410 Mg. ancora attraenti per molti cacciatori e tiratori amatoriali che scoprono in questa cartuccia e nei leggeri fucili che la sparano un’aggiunta di sportività e di destrezza, parte cospicua del divertimento nella tecnica del tiro e nell’arte del cacciare. Da molti decenni il fucile semiautomatico è gradito al cacciatore della penisola, un tempo per la maggiore disponibilità di colpi dei classici due canne, oggi con la limitazione usualmente a tre, tale divario si è molto ridotto rimanendo tuttavia l’aspetto positivo della balistica relativa a una sola canna, la facile sostituzione della stessa in funzione della caccia praticata, il costo che in certi casi è davvero invogliante.

Leggi tutto...

Fausti presenta il nuovo sovrapposto Italyco

Fausti presenta il nuovo sovrapposto Italyco

In una degna cornice le sorelle Fausti hanno presentato il loro nuovo sovrapposto  curioso già nel nome e ricco di motivi tecnici ed estetici di interesse per un’ampia clientela nazionale e dei vari mercati esteri estimatori del marchio.

di Emanuele Tabasso

In periodi dove tanti limitano le spese, anche quelle che dovrebbero risultare degli investimenti, è doppiamente piacevole aderire all’invito che la ditta Fausti ha esteso a un congruo numero di addetti alla comunicazione del settore armiero, nello specifico quello delle armi lunghe a canna liscia e rigata. Villa Baiana nella tenuta La Montina, sulle colline poco distanti dal lago d’Iseo, ha accolto in un’atmosfera professionale e insieme di cordialità la presentazione del nuovo sovrapposto che l’azienda di Marcheno ha ideato per agire con sempre maggiore incisività nell’ampio mercato in cui opera e proporsi sui nuovi emergenti. Le tre sorelle Elena, Giovanna e Barbara hanno spiegato con dovizia di elementi l’avvio del nuovo progetto dove la bellezza gioca un ruolo dominante, dando per assodati gli elementi tecnici conosciuti e che ora rivedremo. Accordare la ricerca del bello con la funzione non è un impegno gravoso, solitamente i due elementi procedono di pari passo, e l’unico vero inciampo è rappresentato dai costi.

Leggi tutto...

Merkel Helix RX e Zeiss Victory V8

Merkel Helix RX e Zeiss Victory V8

Merkel Helix RX: Il movimento in linea sta guadagnando favori nei fucili rigati prestandosi al tiro su selvatici in movimento così come in quello a fermo sulla lunga distanza: con le ottiche di ultimissima generazione si dispone di un insieme formidabile per queste esigenze e i risultati sono appaganti.

di Emanuele Tabasso

Un paio di anni fa la Merkel presentava all’IWA di Norimberga la sua nuova realizzazione nel campo della canna rigata: il modello Helix RX. La famosa Casa di Suhl mantiene tuttora in listino una vasta tipologia delle canne lunghe spaziando dalle doppiette di piccolo calibro ai fucili misti cari alla tradizione mitteleuropea, alle carabine di vario genere, con ripetizione manuale o semiautomatica. Le mode e i modi di caccia mutano nel tempo e l’avanzata del sistema tedesco delle caccie a spingere ha creato nuove esigenze nel campo armiero: questa pratica sorta per motivi funzionali, coreografici e di aggregazione ha quasi subito bandito l’impiego dei semiauto rigati, considerati poco sportivi, privilegiando l’arma lunga  con ripetizione manuale. Intuendo come un tradizionale movimento girevole e scorrevole consenta di ripetere i colpi con minor celerità e con maggiore scostamento della punteria dal bersaglio si è pensato a qualcos’altro.

Leggi tutto...

A caccia da Babbo Natale con le carabine Sako..

A caccia da Babbo Natale con le carabine Sako..FINLANDIA BY SAKO: Caccia e Factory Tour, per tre giorni indimenticabili nel paese di Babbo Natale alla scoperta delle Carabine Sako.

di Saverio Patrizi

Sako ha aperto le porte della fabbrica di Riihimaki a un ristretto gruppo di armieri e giornalisti italiani, con un’accoglienza degna di nota. A ricevere la delegazione italiana c’erano infatti Raimo Karjalainen, general manager di Sako, il direttore unità produttiva carabine Kari Harila, il product manager carabine civili Miikka Tamminen, Kari Kuparinen direttore Ricerca e Sviluppo e Sampsa Olkinuora product manager munizioni. Durante l’incontro, sono stati presentati sia il passato che il futuro dell’azienda, ma soprattutto alcune interesantissime novità su carabine e munizioni.

Sako ha più di 90 anni di storia nella produzione di carabine; fondata nel 1919 come reparto di manutenzione e riparazione delle armi della Guardia Bianca, ha iniziato la propria produzione di fucili nel 1921, in un primo tempo a Helsinki, per poi trasferirsi successivamente ( 1927) nell’attuale sede di Riihimaki. Il marchio Tikka, altra azienda storica finlandese, ha invece fatto storia a sè fino al 1983 quando venne acquistata da Sako; a partire dal 1989 anche questa produzione è stata trasferita all’interno dello stabilimento di Riihimaki.  Sul finire dell’anno 2000 l’azienda finlandese è stata acquisita al 100% da Beretta Holding e dall’entrata nel gruppo italiano ha bruciato le tappe come sia come produzione totale che come visibilità a livello mondiale.

Leggi tutto...

Browning B725 Sporter Black Edition Adjustable

Browning B725 Sporter Black Edition Adjustable

Browning B725: Il recente sovrapposto della Browning eredita dal mitico B25 le doti fondamentali con aggiornamenti e innovazioni per un rendimento ancor più finalizzato e appagante.

di Emanuele Tabasso

Il sovrapposto B725 mostra quali siano le capacità progettuali dell’azienda di Herstal dove il prosieguo del B25, uno dei quattro sovrapposti che hanno fatto e tuttora fanno scuola, raccoglie un’eredità impegnativa e non solo la mantiene, ma ne affina alcune prerogative. La robustezza e la resistenza all’uso sono state magnificate in tanti anni e tanti successi sulle pedane di tutto il mondo e parimenti sui terreni di caccia più disparati: il progetto degli Anni Venti cui mide mano Val Browning, figlio di John Moses, vede la bascula U profonda, il perno di rotazione e i tenoni posti sotto alla canna inferiore; il tassello di chiusura si pone poco sopra al perno, quindi con leggero svantaggio soprattutto nel braccio di leva della canna superiore. A questo sovvengono le ampie superfici dei fianchi della culatta delle canne e delle pareti della bascula, con il raccordo molto elevato verso la testa, così da evitare scostamenti laterali. I tenoni passanti lavorano sullo spessore del dorso contrastando la proiezione in avanti delle canne insieme alle superfici inclinate ricavate nella tavola e nei piani, liberando il perno da un indebito lavoro.

Leggi tutto...

Franchi Intensity 12/89: il supermagnum per oche e tacchini

Franchi Intensity 12/89: il supermagnum per oche e tacchini

Quasi in sordina la Franchi prosegue nella sua marcia cadenzata proponendo via via fucili interessanti e specifici per i diversi settori della caccia passando dal liscio al rigato per tornare qui al liscio di massima potenza.

di Emanuele Tabasso

Da noi non è molto impiegato mancando o quanto meno avendo poche occasioni per sfoderare tanta potenza, ma all’estero, specie negli Stati Uniti, è un fucile che ogni cacciatore serio deve avere in rastrelliera: parliamo del semiautomatico camerato per il calibro 12/89 detto familiarmente supermagnum. Già le cariche maggiorate del normale 12/70 sono arrivate a spingere a buona velocità i 42 g di pallini, poi il magnum 12/76 ha spinto più in là i termini del problema e i 52 g sono diventati una consistente soluzione per colpire prede coriacee e a maggiore distanza. Non contenti ci si è spinti oramai da parecchio tempo sulla cartuccia 12/89 in tutto sostitutiva del calibro 10 Magnum che, come qualcuno ricorderà, aveva fatto una non lunga apparizione sulla nostra scena venatoria alla fine degli Anni 60. Le leggi sempre tendenti a mortificare la caccia secondo una logica poco vincolata alla tecnica avevano poi imposto il limite massimo del calibro, non della carica, a quel 12 che ha rappresentato, e tuttora rappresenta, il factotum armiero del cacciatore a pallini.

Leggi tutto...

Pagina 1 di 16

Feed RSS: Leggi le news venatorie
Banner
Banner
Banner